Riporto dal Sito Classicaviva – www.classicaviva.com in fondo all’articolo il testo del decreto citato

Ecco una notizia molto importante e, una volta tanto, positiva: riprendiamo dal sito http://www.orizzontescuola.it un documento quasi ufficiale, che è stato pubblicato in modo un poco “corsaro”: si tratta del regolamento attuativo per il riordino dei Licei, che istituisce finalmente e concretamente i Licei musicali e coreutici, con un provvedimento atteso fin dall’istituzione della legge 508 (1999) e della legge del 28 marzo 2003, n. 53 (meglio conosciuta come “legge Moratti”). In pratica, è l’attuazione della legge del 6 agosto 2008, n. 133. Se tutto andrà avanti come previsto, già dal prossimo anno scolastico 2009-2010 dovrebbero venire attivati i primi Licei musicali e coreutici (ossia per i ballerini). Rimangono da risolvere alcuni problemini non da poco, ossia: mancano le classi per le graduatorie di insegnamento specifiche per gli insegnamenti professionalizzanti per questi licei (si veda, nel documento qui sotto, il quadro orario analitico delle materie previste, con le relative ore di insegnamento); bisognerà reperire sedi idonee (con aule appositamente attrezzate per la danza, o per la musica, quindi insonorizzate, e dotate di ottimi pianoforti e altri strumenti), selezionare i docenti, organizzare il tutto…

Ma, insomma… finalmente si aprono spazi nuovi per l’insegnamento della musica e della danza, e spazi statali, pubblici, monitorati e controllati da regolamenti ben precisi.

Ricordiamo, ad esempio, la polemica sul fatto che praticamente la quasi totalità delle scuole di danza oggi  siano private, e attivabili anche da insegnanti privi di diplomi legalmente riconosciuti, con possibili gravi danni per il corretto apprendimento di una disciplina tanto impegnativa, quando addirittura non lesive per il fisico dei giovanissimi allievi. L’unico Diploma legalmente riconosciuto nel nostro paese è, infatti, quello rilasciato dall’Accademia Nazionale di Danza di Roma, che ha attivato da tempo il Biennio di specializzazione, formando insegnanti di alto livello, con una Laurea specialistica.

Speriamo dunque di vedere presto tanti, e buoni, licei coreutici e musicali, distribuiti in tutto il paese!

Ma c’è una nota dolente, che non posso fare a meno di ricordare:  l’insegnamento della musica, e anche della storia della musica, è il grande assente in tutte le nostre scuole superiori (come del resto avviene già oggi). A parte i già citati licei musicali e coreutici,  infatti, l’insegnamento della musica è previsto solamente nel primo biennio del Liceo delle scienze umane (destinato a formare gli insegnanti della Scuola primaria). Insomma, sarà ancora possibile uscire dal Liceo Classico o anche artistico con ottime nozioni letterarie e di storia dell’arte, e non avere neanche mai sentito nominare non dico Beethoven, ma nemmeno Scarlatti o Vivaldi… e poi ci lamentiamo che la grande musica non ha pubblico?

bozza regolamento  licei

Allegato_A

Allegati_B_C_D_E_F_G

Allegato_H